Dizionario sanscrito-italiano

Il dizionario sanscrito-italiano (Edizioni ETS, 2009) è ora consultabile online.

Leggi

"Bhasha", nuova rivista Open Access

Nel mese di aprile 2022 è iniziata la pubblicazione di “Bhasha. Journal of South Asian Linguistics, Philology and Grammatical Traditions” (Edizioni Ca' Foscari).

Leggi

Convegno e Assemblea dei Soci dell’AISS 2022

Sono disponibili il PROGRAMMA DEFINITIVO e la LOCANDINA dell'evento (Napoli e Procida, 29 settembre - 2 ottobre 2022).

Leggi

Informazioni personali

Policardi

Chiara Policardi

Dottore di Ricerca

Sapienza Università di Roma

Chiara Policardi è Dottore di Ricerca in Civiltà dell’Asia e dell’Africa, curriculum Subcontinente indiano. Dopo la laurea in Lettere classiche presso l’Università degli Studi di Milano, ha conseguito il Dottorato presso Sapienza Università di Roma, sotto la guida del prof. Raffaele Torella. La sua ricerca dottorale, proseguendo e ampliando gli studi svolti già per la tesi triennale (Le radici ancestrali del culto delle yoginī), quindi per la tesi magistrale (Le yoginī: teriomorfismo e trasformazione spirituale. Il Kaulajñānanirṇaya), verte sulle yoginī nelle tradizioni śaiva medievali e indaga, in particolare, la peculiare rappresentazione teriantropica di queste figure, che solitamente combina un volto animale con un corpo femminile. Il lavoro di Dottorato, avvalendosi sia di fonti testuali sia di evidenze iconografiche, individua tre principali linee di interpretazione dei tratti animali delle yoginī, così riassumibili: abilità metamorfica e poteri sovrannaturali (siddhi); liminalità, “wilderness”, e alterità; imitazione degli animali, possessione, e idea di “maschera” animale. Questi temi, perseguibili in molteplici ramificazioni, tracciano alcuni dei suoi specifici interessi di ricerca. Se le yoginī costituiscono l’oggetto di studio privilegiato, il tema della teriantropia assume altresì rilievo anche nel più ampio panorama religioso hindu, dove le yoginī rappresentano solo un tassello, per quanto singolare, di un ampio e variegato mosaico. I suoi ambiti di studio comprendono quindi, più in generale, le forme animali nella rappresentazione del divino in India – che trovano espressione sia in divinità di aspetto composito umano-animale, sia nella categoria dei vāhana – e, in un orizzonte ancor più vasto, l’importante e sfaccettato ruolo degli animali nella cultura hindu.

 

News recenti