Esito del concorso per tesi dottorali

È stato pubblicato l'esito del concorso bandito dall’Associazione Italiana di Studi Sanscriti per premiare la miglior tesi dottorale di ambito sanscritico e indologico.

Leggi

News

Una rassegna delle ultime pubblicazioni dei membri dell'AISS, dei call for papers e delle opportunità per lo studio, la ricerca, l'insegnamento in Italia e all'estero

Leggi

Persone

I profili dei membri dell'Associazione italiana di studi sanscriti: curriculum vitae, link alle pubblicazioni principali, contatti

Leggi

Informazioni personali

Franceschini

Marco Franceschini

Ricercatore a tempo determinato

Università di Bologna

Laureato in Storia indirizzo Orientale (2001, Università di Bologna) e Dottore di ricerca in Studi Indologici e Tibetologici (2005, Università di Torino). Durante gli anni del dottorato e in quelli immediatamente successivi mi sono occupato di studi vedici e tale interesse è culminato nel 2007 con la pubbicazione di An Updated Vedic Concordance (Harvard Oriental Series, 66). Dal 2008 i miei principali ambiti di ricerca sono stati la letteratura d’arte indiana (kāvya) e la paleografia dell’India meridionale, con particolare riferimento alla scrittura Grantha. In relazione allo studio del kāvya, il primo frutto della mia ricerca è maturato nel 2010, con la pubblicazione della prima traduzione del poema sanscrito Padyacūḍāmaṇi, con edizione critica del testo. Con riferimento agli studi sulla scrittura Grantha, ho preparato alcuni articoli in via di pubblicazione e sto lavorando, ormai da qualche anno, a un corposo volume sull’evoluzione paleografica della Grantha. Oltre a ciò, collaboro a diversi progetti internazionali, fra i quali: “Sanskrit Manuscripts Project” (Cambridge, UK), nell’ambito del quale ho catalogato tutti i manoscritti redatti in Grantha posseduti dalla Cambridge University Library (42 manoscritti contenenti 127 testi); “Encyclopaedia of Manuscript Cultures in Asia and Africa” (Centre for the Study of Manuscript Cultures, Università di Amburgo), per la quale ho redatto alcune voci relative alle scritture dell’India meridionale; “NETamil” (Università di Amburgo), per il quale mi occupo dello studio dei colophon e dei sistemi di datazione nei manoscritti in Grantha e in Tamil.

News recenti